america-isis-2.jpg


"Il Pentagono arma gruppi di ribelli (soprattutto curdi) per combattere l'Isis, mentre la CIA finanzia alcune milizie islamiche in funzione anti Assad. Il risultato? Un disastro
A metà febbraio il gruppo "Fursan al Haq", sostenuto dalla CIA, è stato cacciato dalla città di Marea (vicino al confine con la Turchia) dalle Forze Siriane Democratiche, sostenute dal Pentagono. Insomma in Siria non c'è solo lo scontro fra milizie pro e anti Assad, la situazione è talmente caotica che persino i ribelli sostenuti apertamente da Washington sono in guerra fra loro. E non finisce qui: secondo il Los Angeles Times molte della armi fornite ai ribelli "buoni" sono finite nelle mani di quelli "cattivi" ovvero l'Isis e Al Qaida. Un altro disastro made in Usa. Con le conseguenze che ben conosciamo. Vedi Bruxelles e Parigi".
Marcello Foa

da L'antidiplomatico

Il 'Los Angeles Times' sottolinea quanto poco controllo ci sia da parte dell'intelligence degli Stati Uniti sulla pianificazione militare dei gruppi che sostengono.

Le milizie siriane armate da diverse sezioni della "macchina da guerra degli Stati Uniti" hanno iniziato a "combattersi l'un l'altra" nella pianura situata tra la città di Aleppo e al confine turco, rendendo manifesto il "poco controllo esercitato dagli agenti dei servizi segreti statunitensi e dai pianificatori militari sui gruppi che hanno finanziato e addestrato", ha riportato il Los Angeles Times.

I combattimenti si sono intensificati negli ultimi due mesi, mentre le unità armate dalla CIA e le unità armate da parte del Pentagono si sono scontrate più volte durante le manovre attraverso il territorio conteso nella periferia settentrionale di Aleppo, come hanno confermato i funzionari degli Stati Uniti ed leader dei "ribelli".

A metà febbraio una milizia finanziata dalla CIA chiamato Fursan Al Haqq o Cavalieri di Giustizia, ha perso la città di Marea, che è passata nelle mani delle Forze democratiche siriane sostenute dal Pentagono. "Combatteremo contro ogni fazione che ci attacca, non importa da chi è sostenuta", ha dichiarato in un'intervista al-Fares Bayoush, uno dei leader di Al Fursan Haqq.

Secondo i media, gli attacchi tra i due gruppi sostenuti dagli Stati Uniti arrivano in mezzo a continui combattimenti e intensi in Siria e illustrano le difficoltà in cui versan
0 gli Stati Uniti nel coordinare le decine di gruppi armati che stanno cercando di rovesciare il governo siriano del presidente Bashar al-Assad, per combattere l'ISIS e fra di loro, allo stesso tempo.

"È una sfida enorme", ha dichiarato il membro del Congresso Adam Schiff, che ha descritto gli scontri tra gruppi finanziati dagli Stati Uniti- come "un fenomeno abbastanza nuovo." Secondo lui, questo è parte della "scacchiera tridimensionale" quale è diventato il campo di battaglia siriano.

"Si tratta di una guerra complessa di multi-fazioni in cui le nostre opzioni sono molto limitate", ha aggiunto un ufficiale di Stati Uniti non autorizzato a parlare pubblicamente sulla questione. "Sappiamo che abbiamo bisogno di un partner sul terreno. Non possiamo sconfiggere l'ISIS senza quella parte dell'equazione, in modo da continuare a cercare di costruire quei rapporti."

"La lotta per il territorio ad Aleppo mostra quanto sia difficile per gli Stati Uniti gestire questi conflitti localizzati e, in alcuni casi, profondamente radicati", ha spiegato Nicholas Heras, esperto della guerra civile siriana il Centro per una nuova sicurezza americana. "La prevenzione dei conflitti è una delle costanti nelle riunioni delle operazioni congiunte con la Turchia", ha aggiunto.

Fonte: Los Angeles Times

Segui il Blog di Marcello Foa

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo