Buon (non) ferragosto ai lavoratori stagionali

m5s_lavoratoristagionali.JPG


Il Movimento 5 Stelle augura Buon Ferragosto a tutti anche se non è Ferragosto per tutti. C'è un mondo di lavoratori che non ha diritti, ferie, dignità. Sono i cosiddetti stagionali, centinaia di migliaia di persone che lavorano in alberghi, bed and breakfast, ristoranti, stabilimenti balneari. Non si sa di preciso quanti siano, chi sono. Molti spariscono con la fine dell'estate. È la Caporetto del mondo del lavoro. Poletti dove sei? Da che parte stai?


di Laura Agea

"L'estate non è per tutti sinonimo di riposo e ferie. C'è chi proprio in questo periodo ha una opportunità di lavoro che però, troppo spesso, si trasforma in un incubo. Quando si parla dei lavoratori stagionali di solito si pensa al mondo dell'agricoltura - legato molto spesso alla pratica disumana del caporalato - eppure ci sono molti settori sommersi, in primis quelli del turismo, di cui troppo poco si parla.

Sono giovani, per lo più under 40, che lavorano negli alberghi o negli stabilimenti balneari o in qualche attività collegata in qualche modo al turismo vacanziero. I loro turni di lavoro sono fuori da qualunque regola di contratto; arrivano a lavorare 90 ore settimanali, con 15 ore al giorno di fatica e pressione, perché se non reggi ti dicono "avanti un altro!". Gli occupati sono italiani o stranieri, poco importa la nazionalità, l'importante è resistere, lavorare e soprattutto non lamentarsi. Potremmo chiamarli i nuovi schiavi, anche se questo sfruttamento si ripete ogni estate.

Questo mondo si nutre di un uso disinvolto dei contratti atipici e dei voucher, di tecniche per aggirare i controlli, della necessità di lavorare e della difficoltà di chi deve gestire la propria attività in una economia che cresce zero, quando non è in recessione.

Il mercato del lavoro stagionale utilizza, poi, i lavoratori distaccati da altri Paesi europei, ad esempio dalla Romania, che vengono in Italia pochi mesi per la stagione: per loro al contratto di lavoro viene incluso l'alloggio. Se salta il contratto salta l'alloggio, una forma perfetta di ricatto. I controlli vanno aumentati, più in termini di efficacia che di numeri, e vanno gestiti meglio. Devono essere rafforzati gli organici sia dei vigili, che degli ispettori del lavoro, vanno applicate le sanzioni previste a norma di legge, ma va anche resa sostenibile la possibilità per i datori di lavoro di assumere in condizioni dignitose.

Il Movimento 5 Stelle propone di rivedere la direttiva europea sui lavoratori distaccati perché il dumping sociale e la concorrenza sleale che si generano nel mercato sono decisamente insostenibili per questo settore e per l'economia italiana. Sarebbe molto importante fissare un contratto ad hoc per il settore stagionale, differenziandolo a seconda dei settori, così da renderlo efficace e sostenibile. L'Europa e il governo Renzi, invece, hanno aggravato lo stato emergenziale del sistema lavoro Italia, poiché lo hanno ulteriormente precarizzato e lo hanno privato delle tutele necessarie. I dati sull'occupazione non rispondono alla realtà perché vengono conteggiati anche gli occupati per pochi giorni in un mese. La realtà è assai diversa: sono state tolte le tutele, aumentato la precarietà, tagliato i salari, poiché non potendo deprezzare la moneta il taglio avviene proprio sui salari.

Il settore del turismo potrebbe essere il motore propulsivo dello sviluppo e del rilancio del Paese, ma sono necessari interventi pubblici a sostegno di questo settore, così come va cambiata la visione complessiva, collegando il turismo ad altri settori produttivi.Bisogna creare una rete di imprese che va dalla costa all'entroterra, con percorsi turistici che valorizzino intere Regioni . Bisogna superare il concetto di "offerta turistica solo d'agosto" perché l'Italia da scoprire è bella sempre e anche d'inverno con i paesaggi delle colline e delle montagne e la tipicità delle eccellenze enogastronomiche. Solo così si possono creare posti di lavoro stabili e duraturi nel tempo. Solo così l'Italia ritorna forte e i suoi cittadini rispettati". (di Laura Agea)

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo