Mogherini_federica.jpg


I piani per armare un esercito europeo potrebbero essere rivelati già questa settimana. Secondo una ricostruzione del quotidiano inglese "The Times", Federica Mogherini avrebbe rivelato ad alcuni ambasciatori europei l'intenzione di presentare al più presto una road map per la creazione di un esercito europeo.



traduzione dell'articolo pubblicato sul "The Times"

"Un programma che muove i primi passi verso la creazione di strutture militari dell'UE, già pubblicizzato da alcuni Paesi come la nascita di un "esercito europeo", sarà annunciato entro questa settimana. Federica Mogherini, capo degli Affari esteri dell'Unione europea, ha riferito ieri agli ambasciatori che vorrebbe iniziare la discussione sulla "road map" per sfruttare lo "spazio politico" aperto dal voto della Brexit .

I suoi piani per strutture militari in grado di "agire in modo autonomo" dalla Nato hanno portato a timori che l'Unione europea possa cercare di competere con l'alleanza atlantica che è stata finora la principale struttura di difesa europea dal 1949.

La Mogherini ha detto ai diplomatici che lavorano per il Servizio europeo per l'azione esterna che il piano sull'esercito europeo è la migliore occasione per l'Europa di rilanciarsi dopo il "risultato shock" del referendum sull'appartenenza in Europa. "Sembrerebbe un po' drammatico ma siamo a un momento di svolta", ha detto.

"Potremmo rilanciare il progetto europeo e renderlo molto più funzionale e forte per i nostri cittadini e il resto del mondo. O potremmo diminuire la sua intensità e potere". La sua pianificata "strategia globale" era stata redatta questa primavera in gran segreto per evitare deragliasse con il referendum perché molte delle sue proposte sono state bloccate in via preventiva dal governo britannico.

Dopo la Brexit, la Commissione europea, Francia, Germania, Italia e altri Paesi dell'Europa centrale considerano una grande occasione spingere verso una più profonda integrazione militare senza l'opposizione degli inglesi. "Abbiamo lo spazio politico di fare cose che non erano veramente fattibili negli anni passati", la Mogherini ha detto agli ambasciatori europei. La scorsa settimana la Repubblica ceca e l'Ungheria hanno sostenuto il piano come "base per la creazione di un esercito europeo", un obiettivo condiviso dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

(...)

Un programma per il piano verrà discusso al prossimo meeting dei 27 leader europei - senza Theresa May - al summit di Bratislava fra dieci giorni. Fonti diplomatiche dicono che gli inglesi hanno fatto cadere la loro opposizione. Ufficiali della Nato hanno espresso preoccupazione che la proposta possa creare una rivalità e una sfida all'alleanza atlantica per la principale struttura di difesa. Un documento franco-tedesco pubblicato dopo il voto della Brexit incoraggiava la nascita di una "permanente catena di comando civile-militare" per l'Ue senza menzionare la Nato, rivitalizzando le paure di chi teme che i piani europei di rimuovere l'alleanza dominata dagli americani possano riprendere vigore.

"Quando la Gran Bretagna lascerà l'Europa cambierà la dinamica e il dibattito dentro l'Ue", sostiene una fonte diplomatica. "Si può immaginare che ci si focalizzi di nuovo nella costruzione istituzionale e allora cercando in giro un problema da risolvere con questi nuovi strumenti....ci sarà il rischio di un ritorno della competizione istituzionale già vista decenni fa tra la Nato e l'UE".

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo