Il mistero dei rapporti UE-Turchia

rapporti-ue-turchia-erdogan.jpg


Il Movimento 5 Stelle condanna con fermezza il colpo di Stato in Turchia tentato dall'esercito. Ma, con altrettanta fermezza, condanna il colpo di Stato riuscito ad Erdogan. Ne avevamo già parlato: l'Europa deve chiarire a tutti che tipo di rapporti ha intrecciato con la Turchia e il fine ultimo di così tanta debolezza nel condannare quello che, oggettivamente, non può essere più tollerato. Il processo di adesione della Turchia all'UE è una follia da fermare, anche se ormai non rimane più l'ombra nemmeno dei presupposti.

Erdogan, nel frattempo, ha effettuato centomila epurazioni nella pubblica amministrazione. Ci sono 43mila detenuti, oltre duemila scuole e università chiuse; quasi 4mila giudici e magistrati rimossi. Mentre il Parlamento europeo discute, la Turchia usa il pretesto di colpire il terrorismo e l'ISIS per attaccare, invece, i curdi. Ovvero coloro i quali l'ISIS l'hanno combattuto per anni. Come se non bastasse, il "regime" turco mette a capo dell'operazione "Scudo per l'Eufrate" Adnan Tanriverdi, un islamico sospettato più volte di radicalismo.

Fabio Massimo Castaldo, portavoce M5S al Parlamento europeo: "Quanto e quando noi, nei nostri colloqui, porremo veramente dei paletti ad Erdogan?
Quando metteremo in discussione un'adesione che è definitivamente fallita?
La Turchia di Erdogan ha sostituito lo stato di diritto con il diritto dello Stato. L'Europa lo stato della ragione con le ragioni di alcuni Stati.
Il Movimento 5 Stelle chiede di dire no ai ricatti turchi e di tornare a fare, per una volta, l'Europa
".

PER APPROFONDIRE: LA DEBOLE EUROPA SOFFRE IL RICATTO TURCO

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo