Fermiamo i nuovi inceneritori: la battaglia continua

INCENERITORE-inceneritori-m5s-5stelleeuropa-renzi-beppegrillo.png


di Marco Affronte, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa.


L'unico modo per eliminare un rifiuto è riusarlo, riciclarlo, non produrlo più. Per Renzi invece è bruciarlo. L'inceneritore è un moltiplicatore di rifiuti. Produce fumi, ceneri, fanghi, acqua inquinata. Il Movimento 5 Stelle si oppone al piano nazionale degli inceneritori - pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 5 ottobre - che accende 8 nuovi impianti in Umbria, Marche, Lazio, Campania, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna. Senza una rigorosa valutazione ambientale questi inceneritori sono fuorilegge. Il gruppo Efdd - Movimento 5 Stelle ha presentato al Parlamento europeo una interrogazione alla Commissione europea per sbugiardare il Governo e costringerlo a fare dietrofront. Ecco il commento di Marco Affronte.


VIDEO. La nostra battaglia contro gli inceneritori sarà totale!. Fai girare questo video.




"Il Movimento 5 Stelle farà una grande battaglia in tutte le piazze italiane e nelle Istituzioni contro i nuovi inceneritori. La pubblicazione del decreto che dà il via libera alla costruzione di 8 nuovi impianti non mette la parola fine. Il governo vuole bruciare 2 milioni di tonnellate di rifiuti e questo avrà un notevole impatto per l'ambiente e la salute dei cittadini.

Gli inceneritori inquinano. I filtri usati anche se sono potentissimi non fanno sparire nel nulla i fumi che emettono, li trasformano solamente in particelle finissime che sono ancora più dannose!

Persino la Commissione europea ci ha dato ragione e ha chiesto che il governo adotti una valutazione di impatto ambientale per ciascun impianto. Ma nel decreto non c'è traccia di questo. Non vogliono far sapere agli italiani che cosa stanno facendo, ecco perché ho presentato una interrogazione alla Commissione europea per far rispettare le regole. Vi terremo informati!"

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo