Se Prodi vota sì, #IODICONO

prodi-m5s-commissione.jpg


Dopo Angela Merkel, Barack Obama, la JP Morgan, il commissario europeo Pierre Moscovici, e il falco dei falchi Wolfgang Schäuble, arriva il "sì" del celeberrimo Romano Prodi. Il super economista italiano passerà alla storia come l'uomo della previsione sulla moneta unica. Ve lo ricordate? "Con l'Euro lavoreremo un giorno in meno, e guadagneremo come se avessimo lavorato un giorno in più". Ma Romano Prodi non è solo l'uomo delle previsioni economiche che oggi suonano come barzellette, è uno dei grandi architetti di questa Unione Europea basata su grandi trattati fondati sul nulla che impongono l'austerità.

Anno 1998, le profezie del professore:

Quello che in molti si dimenticano della brillante carriera di Romano Prodi è la sua influenza, ormai un ricordo lontano, a livello continentale. Prodi è stato presidente della Commissione europea tra il 1999 e il 2004. Mentre in Italia imperversava l'era Berlusconi, tutti credevano che il professore venisse parcheggiato nella lontana Europa per non fare troppi danni. Ma i danni li faceva eccome. I suoi anni furono densi di avvenimenti e cambiamenti in UE.

Succeduta alla fallimentare Commissione Santer, che si sciolse per corruzione, quella di Prodi si trovò a gestire passaggi cruciali. Il Trattato di Amsterdam - firmato nel 1997 ed entrato in vigore nel 1999 - le ha concesso poteri e influenza mai visti prima, quelli che oggi le vengono contestati a più riprese anche dallo stesso Parlamento europeo. Poi ci fu la firma del Trattato di Nizza che ne ha riguardato le dimensioni (ampliate) e la composizione.

Ma il suo capolavoro rimane senz'altro la nascita dell'Euro. Un meccanismo che nel corso degli anni si è rivelato per quello che è, una potentissima arma di ricatto nelle mani di pochi. Come diceva lo stesso professore qualche anno dopo - prima era uno dei più strenui difensori della moneta unica -, parliamo di una valuta che avvantaggia solo un Paese: la Germania, massacrando tutti i Paesi mediterranei.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo