petrolio_tasse_m5s.jpg


Le tasse dei cittadini non devono finire nelle tasche dei petrolieri. L'Irlanda è il primo Paese al mondo ad approvare una legge che vieta gli investimenti con i soldi dei contribuenti nelle fonti fossili. Sembra assurdo ma è così: nel mondo chi inquina è pagato. Secondo un report del Fondo Monetario Internazionale, i soldi pubblici stanziati in Europa in favore delle compagnie petrolifere ammontano a 330 miliardi di dollari all'anno: una montagna di soldi che passa dalla tasca del contribuente a quella del petroliere grazie a sussidi, finanziamenti per infrastrutture, gasdotti e depositi mediante la Banca Europea degli Investimenti.

C'è un tesoretto pronto per finanziare il reddito di cittadinanza. L'Italia spende 3,5 miliardi di euro per sussidi diretti e indiretti alle fonti fossili, mentre impiega solo 84 milioni per il fondo verde per il clima. Gli italiani devono sapere come vengono spese le loro tasse. Questi soldi potrebbero aiutare migliaia di persone in difficoltà a uscire dalla povertà!

GRAFICA. Questa tabella parla chiaro. Ecco quanto spendono i Paesi ricchi in sussidi alle fonti fossili (riga sopra le bandiere) e quanto nel Fondo verde per il clima (riga sotto le bandiere).


Traduzione dell'articolo "L'Irlanda approva una legge e diventa il primo Paese al mondo che disinveste dall'uso del combustibile fossile" pubblicato sul Independent


"L'Irlanda ha votato una nuova legge e diventa il primo Paese al mondo che toglie completamente il denaro pubblico dai combustibili fossili. Il Parlamento irlandese ha approvato una legge storica con 90 voti a favore e 53 contrari per abbandonare gli investimenti in carbone, petrolio e gas da parte del Fondo di investimento strategico dell'Irlanda, che è parte della Agenzia Treasury Management Nazionale della Repubblica, valutato in circa 8 miliardi di euro (£6.8bn).

Il progetto di legge, presentato dal deputato Thomas Pringle, probabilmente avrà l'approvazione nei prossimi mesi dopo che essere esaminato dalla Commissione finanze. "Questo principio di etica finanziaria è un monito per le multinazionali. Non possono essere più tollerate la minaccia per i cambiamenti climatici, la negazione della loro esistenza e le controverse pratiche di lobbying praticate verso politici di tutto il mondo" ha dichiarato Pringle.

"Non possiamo accettare questo atteggiamento, mentre milioni di persone povere nei Paesi sottosviluppati affrontano le conseguenze del cambiamento climatico soffrendo fame, emigrazione di massa e i conseguenti disordini civili". Una volta emanata, la legge obbligherebbe la Strategic Investment Fund dell'Irlanda a vendere nei prossimi cinque anni le proprie partecipazioni nelle industrie che fanno uso di combustibili fossili. Nel 2015, il fondo sovrano della Norvegia ha disinvestito da alcune, ma non tutte, compagnie che fanno uso di combustibili fossili".

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo