europa_disoccupazione.jpg


di Laura Agea
, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa.

Questa Europa non ha futuro. Basta guardare i dati della disoccupazione giovanile per capire che il fallimento è vicino: in tutti i 28 Paesi membri 1 giovane su 4 non ha un lavoro, in Grecia e Spagna addirittura 1 su 2. In Italia la disoccupazione giovanile è quasi al 40%. I giovani sono il futuro. Una società senza loro non ha futuro.

Le colpe sono tutte di politiche che hanno trasformato gli uomini in numeri e la vita dei cittadini in pura contabilità. La cosa che fa più rabbia è la mancanza di autocritica. Davanti a questo disastro che porta il nome di deflazione, stagnazione, disoccupazione galoppante, delocalizzazione delle imprese, disparità sociali, l'Unione europea continua a produrre le stesse politiche suicide. L'ultima relazione discussa al Parlamento europeo sul "Pilastro europeo dei diritti sociali" propone l'allungamento dell'età pensionabile e il rinnovo di Garanzia Giovani che, così come è organizzata, è solo un'occasione mancata, l'ennesima presa in giro per cittadini sempre più umiliati e poveri. Il gruppo Efdd - Movimento 5 Stelle è al Parlamento europeo con i suoi portavoce per difendere i cittadini tartassati dalle politiche di austerity. Per il Movimento 5 Stelle le regole di bilancio non vengono MAI prima dei diritti delle persone!

VIDEO. In uno straordinario intervento, Laura Agea smonta una per una tutte le ipocrisie di questa Europa. Ascoltatela!




ecco il testo dell'intervento di Laura Agea nella plenaria di Strasburgo.

"Nel 2015, il Presidente Juncker parlava di introdurre un Pilastro dei Diritti Sociali per proteggere i lavoratori Europei. La Commissione puntava il dito contro certi "cambiamenti epocali del mercato del lavoro" e citava il crescente "bisogno di flessibilità" nelle condizioni di impiego. Mi dispiace informarvi che non si tratta di "cambiamenti piovuti dal cielo": sono le riforme incoraggiate dalla Commissione che hanno fatto a pezzi il mercato del lavoro di questo continente. Riforme imposte agli italiani da governi vicini alla Commissione: il governo Monti e il governo Renzi. Come quelle imposte ai greci dalla inquietante alleanza tra Commissione e Fondo Monetario.

Chi lavora nell'Europa di oggi non ha più nessuna garanzia contrattuale e nessuna protezione. Ma la responsabilità è di quella Commissione che si finge ora "presa alla sprovvista" dai "cambiamenti mondiali" e punta meschinamente il dito verso la crisi globale come "causa di tutti i mali". NO! Non è la crisi del 2008 che ha smantellato i vecchi contratti: sono state le vostre politiche neo-liberiste, finalizzate a trasformare l'Uomo in numeri e la Vita dei Cittadini in pura Contabilità.

Quelle politiche neo-liberiste che ora ci volete imporre, spacciandole come "inevitabili", politiche che erano nel cassetto da molto tempo e mancava solo il "momento giusto" per attuare "misure straordinarie" in "tempi straordinari". Diciamo la verità: non vi interessa proteggere i lavoratori europei. E ce lo dite pure in faccia. E' scritto, nero su bianco, nelle Comunicazioni della Commissione: l'obiettivo finale del Pilastro non è salvare le persone, ma permettere la costruzione di un'Unione Economica e Monetaria più profonda. La Vita Umana sottomessa alle esigenze della Grande Finanza: sarà forse un caso che mentre la Commissione avviava le "consultazioni" per il Pilastro Sociale, il Fondo Monetario Internazionale annunciava che le persone "vivono troppo a lungo" e devono morire prima? Si, è proprio questo quanto affermava Christine Lagarde nel marzo 2016: chiedendo poi ai governi di applicare politiche di "cambiamento radicale" per evitare che la lunga vita delle persone comprometta la stabilità finanziaria.

Dietro agli "effetti speciali" del vostro Pilastro si nasconde in realtà l'intento di seguire proprio gli inquietanti consigli del Fondo Monetario. Ma se, invece, le vostre intenzioni sono genuine, vi chiedo allora di farci capire con chiarezza quali saranno le azioni concrete di questo famoso Pilastro. In cosa consisterà, al di là dei mille "documenti di lavoro", delle mille "comunicazioni", delle mille "strategie", questo Pilastro Sociale? Lo chiedo, Signori della Commissione, perché vedo con disappunto che i Venti Principi su cui si fonderà il Pilastro parlano nuovamente di Garanzia Giovani!!! Ma è su questo che volete fondare la futura strategia per combattere la disoccupazione? Garanzia Giovani, uno strumento vecchio e arrugginito che ha già dimostrato di non essere all'altezza della crisi??
Parlate poi continuamente di allungare l'età pensionabile per adattarla all'allungamento dell'aspettativa di vita: ma lo sapete che milioni di cittadini non si curano più perché non possono permettersi cure mediche? Che sono milioni ormai a non potersi permettere un'alimentazione sufficiente? Di quale allungamento della vita state parlando, quando 120 milioni di europei combattono per sopravvivere?

Signori della Commissione, mi auguro che Garanzia Giovani e l'allungamento delle pensioni non siano le sole "bacchette magiche" che avete in serbo per il Continente europeo. Mi rammarico solo che la relazione del Parlamento, molto positiva in altri aspetti, non prenda sufficientemente le distanze dalle macchinazioni economiche che la Commissione vuole iniettare nel Pilastro".

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo