damato_altrafoto.jpg


comunicato stampa
 
"Le relazioni dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare hanno confermato i rischi per le api in caso di usi esterni dell'Imidacloprid, il pesticida individuato dall'ultimo decreto del governo Gentiloni per combattere la diffusione della Xylella in Puglia. Le autorità italiane erano tenute a presentare dati di conferma per gli usi ancora consentiti, inoltre, era previsto un riesame dei nuovi dati scientifici relativi ai rischi per le api derivanti dall'uso di Imidacloprid entro due anni". E' quanto si legge nella risposta della Commissione Ue a una interrogazione presentata dall'eurodeputata del Movimento 5 stelle, Rosa D'Amato, il 23 aprile scorso.
 
"Le nostre denunce sono state confermate - afferma D'Amato - Questo pesticida è nocivo per le api e di conseguenza comporta gravi rischi per l'agricoltura e l'economia del territorio. Non a caso, una recente proposta della Commissione europea prevede che l'approvazione all'uso dell'Imidacloprid sia consentito solo agli usi in serre permanenti".
 
"Questa vicenda dimostra ancora una volta come, fin dal principio, le autorità italiane si siano piegate alle lobby dei pesticidi. Abbiamo più volte denunciato i rischi connessi all'uso intensivo di queste sostanze, oggi i fatti e la stessa Efsa ci danno ragione. Serve un cambiamento di paradigma per affrontare davvero la crisi dell'agricoltura e dell'economia pugliesi, concentrando le misure per combattere la xylella sulla promozione di trattamenti e coltivazioni biologiche. Il nuovo governo rimedierà agli errori del precedente", conclude D'Amato.

Guarda anche ...


Titolo