zullo_m5s.jpg

comunicato stampa

"Sull'onda dello scandalo Cambridge Analytica bisogna stare attenti a non lanciare una caccia alle streghe che penalizzi le piccole e medie imprese. Le nuove norme sul GDPR, da una parte, devono tutelare tutti i cittadini ma, dall'altra, rappresentano una stretta per chi vuole fare impresa in modo sano. I grandi colossi hanno le risorse per adeguarsi ai cambiamenti normativi, mentre le piccole aziende stanno soffrendo", così l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Marco Zullo si è rivolto al whistleblower Sandy Parakilas, ex responsabile operativo di Facebook, durante l'audizione al Parlamento europeo sullo scandalo di Cambridge Analytica.

"Vogliamo aiutare le imprese e evitare che il GDPR diventi un aggravio - aggiunge Zullo - Anche gli esperti del settore ammettono che bisogna pensare a esenzioni per le pmi, riduzione delle sanzioni e formazione. Negli Stati Uniti lo fanno già".

Guarda anche ...


Titolo