consob_nava_m5s.jpg

comunicato stampa

"La Commissione europea conferma i dubbi che il Movimento 5 Stelle ha espresso sulla irregolarità che Mario Nava sia stato nominato Presidente della Consob venendo distaccato dalla Commissione Europea. Nella risposta del Commissario Oettinger all'interrogazione presentata dagli europarlamentari Marco Valli, Fabio Massimo Castaldo e Piernicola Pedicini emerge che Nava avrebbe potuto essere posto in aspettativa dal suo precedente incarico di alto funzionario europeo, come previsto dalla Statuto UE e dalla legge italiana.

Emerge inoltre che gli stessi uffici di Bruxelles avessero espresso doverose perplessità sulla compatibilità dello strumento del distacco con l'indipendenza che la legge attribuisce al ruolo del Presidente della Consob e che su questi dubbi fossero state date garanzie dal Governo Gentiloni", così in una nota la delegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

"Nava, la Consob e l'ex governo Gentiloni vengono caricati di responsabilità dalla Commissione Europea sulle modalità di nomina. Il dado è tratto e le dimissioni di Nava sarebbero l'unico gesto istituzionale possibile perché ridarebbero decoro e reale indipendenza alla Consob e leverebbero dall'imbarazzo il Governo, le altre Istituzioni dello Stato e la stessa Commissione Europea.

Inoltre il Commissario ci fa sapere che la valutazione dell'aspettativa per Giulia Bertezzolo, funzionario non dirigenziale della Commissione Europea, per assumere il ruolo di neo segretaria generale Consob è ancora in fase di valutazione, questa però è già stata nominata a Giugno. Come è possibile? Alla irregolarità della sua nomina il Presidente Consob ora aggiunge l'irregolarità della nomina in Consob di una collaboratrice del suo ufficio di Bruxelles. Un motivo in più per le sue dimissioni". conclude la nota.

link a interrogazione degli europarlamentari e risposta della Commissione: http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=WQ&reference=E-2018-003015&format=XML&language=IT

Guarda anche ...


Titolo