agea.png

comunicato stampa

"Con il reddito di cittadinanza 2,2 milioni di cittadini usciranno entro il 2020 dalla condizione di povertà e l'Italia non sarà più fanalino di coda in Europa. I dati Eurostat fotografano la vergognosa eredità lasciata dai governi del Pd: nel 2017 ben 17,4 milioni di persone erano a rischio povertà ed esclusione sociale, ovvero il 28,9% della popolazione. Con il Pd l'Italia era il Paese europeo con il più alto numero di poveri, con il Movimento 5 Stelle non lo sarà più", afferma Laura Agea, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

"L'inserimento del reddito di cittadinanza nella manovra è una buona notizia per l'Italia e l'Europa. Questo provvedimento garantisce il raggiungimento, anche tramite integrazione, di un reddito annuo calcolato in base dell'indicatore di povertà relativa dell'Unione europea. Al Parlamento europeo stiamo lavorando al nuovo regolamento per il Fondo sociale europeo dove vorremmo inserire un riferimento esplicito al reddito di cittadinanza tra i suoi obiettivi specifici. Con il governo del cambiamento l'Italia è più forte in Europa e l'Europa può contare su una Italia più forte", conclude Agea.

Guarda anche ...


Titolo