comunicato stampa

"Il rifiuto delle autorità turche di accordare l'accesso ai dati dei beneficiari dei progetti finanziati da fondi europei è inaccettabile. La Corte dei Conti europea, nella relazione speciale sullo strumento per i rifugiati in Turchia pubblicata il 13 novembre scorso, ha messo in luce questa grave inadempienza che non consente di risalire ai beneficiari finali. Questo significa che non sappiamo come vengono spesi i soldi dei contribuenti europei e chi li utilizza", dichiarano in una nota i parlamentari europei del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara, Ignazio Corrao e Fabio Massimo Castaldo membri della Commissione Libertà Civili e Giustizia del Parlamento europeo.

"La Corte ha inoltre rilevato che gli interessi maturati sugli anticipi versati dall'UE sono trattenuti dai partner attuatori e non sono reinvestiti nei progetti. Abbiamo presentato una interrogazione alla Commissione europea per fare luce su questo grave scandalo di trasparenza e tracciabilità delle risorse che provengono dai cittadini europei. Gli usi impropri dei fondi europei, come già documentato da numerose inchieste giornalistiche, devono essere evitati. La Commissione agisca", concludono i parlamentari.

Guarda anche ...


Titolo