piernicolapedicini.JPG


comunicato stampa

"L'accordo fra il Consiglio, Commissione e il Parlamento europeo sulla Direttiva per la riduzione dell'impatto sull'ambiente di alcuni tipi di plastica e delle reti da pesca é sicuramente un passo avanti. Se da un lato siamo riusciti a concludere in tempi molto brevi, dall'altro però speravamo che l'Unione europea si dimostrasse all'altezza delle sfide che l'attendono, invece tante misure necessarie a ridurre i rifiuti in plastica sono state cancellate su pressione degli Stati Membri", dichiara l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Piernicola Pedicini.

"Sono stati raggiunti buoni risultati e siamo orgogliosi di aver fatto la differenza con gli emendamenti proposti da noi al Parlamento europeo come, per esempio, il divieto dell'utilizzo dei contenitori per cibi e bevande composti da polistirolo espanso tipicamente utilizzati nei fast-food. Tuttavia il prezzo da pagare è stato caro: ci si è accontentati di compromessi al ribasso riguardo la raccolta differenziata delle bottiglie in plastica e l'obiettivo di avere un contenuto di materiale minimo riciclato è slittato di 4 anni rispetto a quanto avevano proposto. Il Consiglio ha cancellato l'obiettivo di riduzione del 25% di contenitori per alimenti e tazze per bevande e gli obiettivi di riduzione dei mozziconi di sigarette che impiegano tra i 10 e i 12 anni per deteriorarsi e contengono numerose sostanze chimiche tossiche per l'ambiente. È scandaloso che l'industria del tabacco ancora una volta la passi liscia", conclude Pedicini.

Guarda anche ...


Titolo