tamburrano_m5seuropa.jpg

comunicato stampa

"Le nuove etichette per l'efficienza energetica sono un'occasione persa. La Commissione europea non ha utilizzato le varie possibilità offerte dal regolamento: prima fra tutte, quella di indicare sull'etichetta la capacità di un elettrodomestico di essere 'intelligente', cioè di accendersi quando l'energia è più abbondante e meno cara, così da aiutare sia il portafoglio sia l'integrazione delle discontinue energie rinnovabili nella rete elettrica. Eppure si tratta di una funzione essenziale per consentire l'interazione fra il cittadino e la rete elettrica prevista dalla nuova direttiva sul mercato elettrico", così dichiara Dario Tamburrano, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, relatore del regolamento Ue da cui esse derivano.

"Si parla di UE leader nella competitività, nell'economia circolare, nell'energia rinnovabile, nell'efficienza energetica, ma per riformare un pezzo di carta come un'etichetta o inserirvi un nuovo pittogramma ci vogliono anni ed anni. Questo dà il senso dell'incapacità della UE e della Commissione di essere adeguati al ruolo che ricoprono e alle sfide economiche e climatiche che ci attendono", conclude Tamburrano.

Guarda anche ...


Titolo