damato_altrafoto.jpg

comunicato stampa

"Il prossimo Fondo europeo per lo sviluppo regionale che partirà dal 2021 non finanzierà le fonti fossili. Il Movimento 5 Stelle ha vinto, i cittadini europei hanno vinto. Il tentativo delle lobby, sostenuto da diversi eurodeputati, di inserire nel regolamento del Fesr un emendamento volto a indirizzare queste risorse anche all'industria inquinante è stato respinto dal Parlamento. Ma non solo: per la prima volta, il regolamento contiene un principio chiaro sulla lotta al cambiamento climatico e sullo sviluppo sostenibile: il 30% delle risorse assegnate alle Regioni va speso per l'obiettivo 2, ossia verso un'Europa più verde e a basse emissioni di carbonio. È questa la risposta che ci chiedevano i milioni di giovani che da settimane scendono in piazza per difendere l'ambiente e il futuro del Pianeta", così in una nota l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D'Amato, a margine del voto della Plenaria del Parlamento europeo sul regolamento del Fesr 2021-2027.

Guarda anche ...


Titolo