castaldo_m5s.JPG

comunicato stampa
 
"La formazione di nuovi gruppi politici è messa a rischio da popolari, socialisti e liberali. Stanno cercando di modificare, tramite un voto sull'interpretazione dell'articolo 32, il regolamento del Parlamento europeo. Lo scopo dell'interpretazione dovrebbe essere quello di chiarire il significato giuridico di una norma precedentemente approvata, mentre qui si tenta di introdurre nuovi ostacoli e valutazioni arbitrarie sulla nascita di nuovi gruppi politici", dichiara Fabio Massimo Castaldo, eurodeputato del Movimento 5 Stelle.

"I quattro quesiti giuridici che avevamo posto in merito sono rimasti senza risposta: secondo quali criteri saranno valutati i caratteri di sostanziale, distintivo e genuino orientamento politico comune che la dichiarazione politica di ogni gruppo dovrebbe esprimere? Chi decide se gli stessi sono rispettati, il Presidente del Parlamento da solo o con l'accordo della Conferenza dei Presidenti? A maggioranza? Ancora, quali sono le conseguenze di una valutazione di non conformità? Infine, quali sono le vie di ricorso contro tale decisione? Il Movimento 5 Stelle si opporrà votando contro e spero che altrettanto facciano anche gli altri eurodeputati. Una questione di tale delicatezza non può essere trattata di corsa, a fine legislatura, camuffando una nuova norma da interpretazione. E stiamo parlando di una norma che non solo lascia aperti molti interrogativi giuridici, ma che costituirebbe un vulnus profondo al funzionamento democratico di questo Parlamento e, in definitiva, alla democrazia europea", conclude Castaldo.

Guarda anche ...


Titolo